Telelettura

Jump to navigation Jump to search

La telelettura è metodo di rilevamento a distanza per via telematica dei consumi di gas, luce e altre utenze. Etimologicamente il termine è composto da tèle (dal greco τηλε-, τῆλε con il significato di lontano) e lettura (dal lat. tardo lectura, derivata da legĕre).

Caratteristiche tecniche

In pratica, la telelettura avviene tramite un dispositivo in grado di connettere un’apparecchiatura di misura con una rete di telecomunicazioni, allo scopo di permettere l’acquisizione remota dei dati rilevati.

Una apparecchiatura elettronica rileva il conteggio del consumo di un contatore di acqua, luce o gas e procede all'invio a distanza dei dati verso un’unità remota centrale (server) che li raccoglie ed elabora (molto spesso tramite tecnologia GSM - Global System for Mobile Communications - o GPRS - General Packet Radio Service -). L'acquisizione di informazioni di telelettura di dispositivi di misura dei consumi elettrici connessi al sistema elettrico di distribuzione può essere effettuata tramite connessione Powerline. Per la telelettura degli impianti idrici esistono anche soluzioni intermedie (ad esempio la telelettura di prossimità - Walk-by-), che tuttavia prevede personale addetto. Questa tecnologia consente l'acquisizione dall'esterno della proprietà, senza accesso fisico al contatore.

Nei telegestori la telelettura non esiste, infatti, i dati dei consumi, non vengono letti ma acquisiti direttamente dal software del microprocessore. Per tale motivo i dati di misura non hanno valore probatorio, che invece è assegnato alla lettura sul posto. Tale intromissione da parte del server centrale AMM di Enel, consente al software appositamente dedicato di riprogrammare i parametri metrologici del telegestore allocato preso gli utenti.[senza fonte]

Collegamenti esterni